martedì 8 novembre 2011

El Hierro: tra 70 metri l’eruzione raggiungerà la superficie

"Il mostro sta sorgendo dall'acqua", ha dichiarato ieri il quotidiano spagnolo La Provincia. Gli scienziati, nel frattempo, si stanno un po' più equilibrando circa il vulcano sottomarino a sud di El Hierro nelle isole Canarie, e ora credono che si trovi nella terza fase della sua eruzione. Le fontane d’acqua sono state sparate fuori dall'Atlantico fino a 20 metri in aria nei giorni scorsi. Oggi, alcuni residenti locali, anche visto pietre essere catapultate fuori dal mare.

Un vortice ribollente, largo decine di metri di diametro, è spumeggiante nell'oceano. Le misurazioni dimostrano che le acque circostanti ai vortici sono significativamente più calde.

Finora, il vulcano ha solo mostrato la sua potenza esplosiva sotto l'acqua. Ma ora le esplosioni a sud di El Hierro stanno raggiungendo la superficie. La lava si sta accumulando su una montagna sottomarina. Il fatto che l'eruzione sia in grado di sparare getti d'acqua in aria indica che questa montagna è in crescita e che il centro dell'eruzione si avvicina alla superficie. I geologi ritengono che la nuova terra potrebbe presto emergere dal mare, e gli isolani sono già alla ricerca di un nome per il nuovo territorio. Ci sono solo 70 metri per raggiungere la superficie, secondo gli esperti provenienti dalla Spagna del National Geographic Institute (IGN).

Ma quanto grande è il rischio per i residenti nelle vicinanze? Lo scorso fine settimana, centinaia di persone hanno dovuto lasciare le loro case nella parte meridionale di El Hierro, e le strade sono state chiuse. La gente del posto può letteralmente sentire l'odore del pericolo – male odoranti esalazioni di zolfo sono alla deriva attraverso l'oceano. L'Istituto di Vulcanologia delle Canarie, Involcan, ha riportato un triplice aumento dei livelli di anidride carbonica - un segnale d'allarme che ulteriori attività vulcanica può essere prevista.

fonte: http://www.spiegel.de/international/europe/0,1518,796612,00.html

The Day After

Nessun commento:

Posta un commento