domenica 26 febbraio 2012

Russia: terremoto 6,8 scuote la Siberia

Un terremoto di magnitudo 6,8 gradi si è verificato in Siberia orientale. Secondo alcuni dati, l'epicentro è stato localizzato a 107 chilometri a est di Kyzyl, vicino alla Mongolia, ad una profondità di 15 chilometri.

E' stato percepito in otto regioni russe, in particolare in Buriazia (dove si trova il Lago Bajkal), zona di Irkutsk (considerata la Parigi siberiana dalla splendida architettura risalente al XIX secolo), Tuva (patria dei nomadi sciamani), Khakassia (ai confini con la Mongolia, zona di tajga e montagne), Krasnoyarsk e nella regione di Kemerovo.

Al momento non ci sarebbero vittime né grossi danni.La scossa - nel cuore geografico dell'Asia - è durata per circa quattro o cinque interminabili minuti. I vetri degli edifici hanno tremato, oggetti sono caduti dagli scaffali e i lampadari hanno oscillato, molta la paura fra le popolazioni. In Italia erano le 7.19 quando è iniziato. Attualmente il Servizio di Geofisica del lago Baikal è impegnato a definire meglio l'epicentro.

fonte: http://www.tmnews.it/web/sezioni/news/PN_20120226_00011.shtml

The Day After

Nessun commento:

Posta un commento