sabato 3 marzo 2012

Trema l'Irpinia, terremoto nella notte

Questa notte si sono registrate delle scosse di terremoto in provincia di Avellino. Una notizia che ha fatto davvero tremare, in tutti i sensi, l’Irpinia che ancora ricorda con estremo terrore il terremoto del 1980. Questa notte sono state registrate solo due scosse, la prima, quella più forte, è arrivata intorno alle 02:40 del mattino e ha avuto un’entità di magnitudo 3.6 della scala Richter. La seconda è sopraggiunta un paio di ore dopo, e stavolta il magnitudo ha raggiunto solo 2.0 della scala Richter.

Map Location

Insomma, niente di davvero preoccupante se non fosse per la paura scattata nella mente degli abitanti dei comuni di Senerchia, Teora, Calabritto, Lioni e Caposele, che hanno subito temuto il peggio ricordando i tragici momenti vissuti quel 23 novembre 1980 quando alle 19:34 una forte scossa di terremoto di magnitudo 6.5 della dura infinita di 90 secondi, rase al suolo gran parte delle abitazioni.

Un terremoto quello, davvero spaventoso, che colpì diverse province di Avellino, Salerno e Potenza arrivando a raggiungere anche tutte le altre province campane. Un terremoto che causò in Irpinia circa 280mila sfollati, 8848 feriti e purtroppo, ben 2914 morti. Una situazione paradossale, che in questi anni non ha mancato di colpire altre province italiane come L’Aquila.

Ieri notte, la paura di dover rivivere quell’incubo è riaffiorata nella mente di coloro che hanno vissuto quel 1980 sulla propria pelle sia negli adulti, sia per chi, a quei tempi, era poco più di un bambino. Il pavimento che trema, la luce che va via, urla e macerie sparse ovunque: dei brutti ricordi lasciati ormai alle spalle ma che ieri, per pochi secondi, hanno fatto venire i brividi agli abitanti dell’Irpinia. Per fortuna, quest’incubo stavolta è durato solo pochi secondi, e la paura è passata, nella speranza che non arrivino altre scosse di maggiore entità.

fonte: http://www.newspedia.it/terremoto-irpinia-oggi-3-marzo-2012-scossa-magnitudo-3-6/

The Day After

Nessun commento:

Posta un commento