giovedì 27 dicembre 2012

Cile: allarme rosso per il vulcano Copahue sul confine con l’Argentina

L’ufficio per le emergenze del Cile ha emesso un allarme rosso dopo che il vulcano Copahue, a cavallo con la provincia argentina di Neuquén, ha iniziato a sputare cenere e gas. Mercoledì 26 dicembre, le autorità argentine avevano emesso un allarme prima giallo, poi elevato ad arancione. L’allerta di oggi riguarda la regione cilena di Bio Bio, ed è stato diffuso dopo che nella notte sono state registrate attività sismiche nei pressi del vulcano e una nube di cenere alta un chilometro e mezzo.

Copahue

L’unità Sernageomin, del ministero delle Miniere,raccomanda attenzione nel raggio di 15 chilometri attorno al cratere per il pericolo di colate laviche e di caduta di frammenti vulcanici. Per ora, spiegano le autorità, non è necessario ricorrere a evacuazioni. Lo scorso anno, a causa dell’eruzione del vulcano Puyehue, nel sud del Paese, il Cile era stato costretto alla cancellazione di centinaia di voli e all’evacuazione di migliaia di persone.

Copahue

fonte: http://www.blitzquotidiano.it/blitztv/cile-erutta-vulcano-copahue-confine-argentina-1433329/

The Day After

Nessun commento:

Posta un commento