domenica 26 aprile 2015

Terremoto in Nepal, 2.500 morti e valanghe sull'Everest

Una nuova scossa di terremoto di 6,7 gradi ha colpito il Nepal e l’India domenica mattina. La scossa si va ad aggiungere a quella di sabato - di magnitudo 7,9 - che ha causato oltre 2.500 morti e oltre 6 mila feriti.


Ma il bilancio è destinato a essere aggiornato: interi villaggi non sono ancora stati raggiunti dai soccorritori. Il nuovo terremoto ha prodotto anche una nuova valanga sull’Everest e ha costretto nuovamente alla chiusura dell’aeroporto di Kathmandu. E intanto il governo ha decretato lo stato di calamità nazionale, disponendo inoltre la chiusura di tutte le scuole per una settimana mentre si è attivata la catena di solidarietà e degli aiuti umanitari.


Secondo media locali, un’enorme valanga ha sommerso sabato il villaggio di Langtang, a nord di Kathmandu - una delle zone più gettonate dai turisti per il trekking alle pendici del Langtang Lirung - e le autorità locali temono che oltre 100 persone potrebbero essere morte.


fonte: ansa, corriere.it
The Day After

Nessun commento:

Posta un commento