mercoledì 27 maggio 2015

Il vulcano Telica ruggisce e oscura il cielo del Nicaragua

Una forte esplosione del vulcano Telica ha oscurato il cielo ieri a mezzogiorno nei comuni occidentali del Nicaragua.


"C'è stata caduta di cenere continua a Posoltega (116 chilometri da Managua), ed sulla strada (Panamericana) vi è la necessità per i veicoli di accendere le luci", ha detto il co-direttore del Sistema nazionale per la prevenzione, Mitigazione e attenzione ai disastri (SINAPRED), Guillermo Gonzalez, in una conferenza stampa.

Il Telica, alto 1.061 metri, si trova a 112 km a nord ovest di Managua.

L'esplosione che oscurava la zona ad ovest del Nicaragua si è verificata tra le 11.34 ora locale (17.34 GMT) e 00:25 ora locale (18.25 GMT), con una colonna di cenere che è salita a più di 700 metri, secondo l'Istituto Nicaraguense di Studi Territoriali ( INET).

"È stata accompagnata da tremore sismico, una forte vibrazione del terreno, a causa della uscita ad alta pressione dei materiali vulcanici, gas e ceneri," ha spiegato Armando Saballos, vulcanologo dell'INETER.


E' stata la più grande esplosione del Telica nel suo ultimo processo eruttivo, iniziato nel mese di maggio.

Il SINAPRED ha proibito alle persone di avvicinarsi a meno di 1500 metri del cratere e ha attivato i Comitati per la prevenzione, mitigazione e l'attenzione ai disastri nei dipartimenti di León e Chinandega.

La preoccupazione in questo momento è che le persone siano protette dalle ceneri, che possono contaminare l'acqua potabile e il cibo.

fonte: http://www.diarioextra.com/Noticia/detalle/260599/la-explosion-del-volcan-telica-oscurece-el-cielo-en-zonas-del-occidente-de-nicaragua

The Day After

Nessun commento:

Posta un commento