domenica 24 maggio 2015

Nicaragua: enormi pietre incandescenti scagliate dal vulcano Telica

Durante l’ultima eruzione del vulcano Telica, in Nicaragua, enormi massi vulcanici incandescenti sono stati scagliati in aria finendo poi a terra.



Potevano causare gravi danni lepietre incandescenti che durante l’ultima eruzione del vulcano Telica, in Nicaragua, sono state scagliate in aria finendo a centinaia di metri di distanza dal cratere vulcanico. E’ accaduto il 20 maggio quando il vulcano ha eruttato e si è formata una alta nube di fumo e cenere ma durante l’esplosione grosse pietre particolarmente pesanti e incandescenti sono finite a terra con la temperatura ancora ad alti livelli, allarmando la popolazione che abita a poca distanza dal vulcano.


Le immagini scattate da alcuni abitanti testimoniano la grandezza di queste pietre e il potenziale pericolo.

L'Istituto di Studi Territoriali Nicaraüense (INETER) raccomanda di non avvicinarsi al vulcano Telica nel nord-ovest del paese, a causa del processo di eruzione sperimentato.

"Raccomandiamo alla popolazione in generale e ai turisti, che il vulcano Telica è pericoloso dato che le esplosioni che ha avuto sono state improvvise", ha detto il vulcanologo dell'INET, Armando Saballos ai giornalisti.

fonte: http://www.laprensa.com.ni/2015/05/22/nacionales/1836799-ineter-recomienda-no-acercarse-al-volcan-telica http://www.centrometeoitaliano.it/scienza-e-tecnologia/eruzione-vulcano-telica-enormi-pietre-incandescenti-scagliate-a-terra-24-05-2015-27668/?refresh_cens

The Day After

Nessun commento:

Posta un commento