giovedì 28 maggio 2015

Vulcano Sinabung: la popolazione soffre di depressione a causa delle continue eruzioni

L'allerta presso il vulcano Sinabung nel Nord Sumatra (Indonesia) è ancora alta dato che l'attività rimane intensa. Le eruzioni in corso stanno creando problemi psicologici sui residenti, visto che il problema perdura ormai da parecchio tempo.


Il vulcano ha eruttato due volte presto ieri, alle 01:21 e 3:30 del mattino, e ha inviato calde nubi di ceneri verso sud. La stazione di rilevamento del Sinabung ha registrato almeno 87 terremoti tettonici e fuoriuscite di flussi di lava tra le 00:00-12:00.

Un membro del personale della stazione di osservazione Deri Alhidayat ha detto che l'intensità vulcanica negli ultimi giorni ha mostrato un aumento significativo, evidente dai terremoti tettonici che avvengono finora.

Le eruzioni, secondo gli esperti, potrebbero proseguire per un lungo periodo di tempo. Sono stati esortati i residenti che vivono intorno alla montagna ad accrescere la loro consapevolezza riguardo a questo.


I residenti di Karo, soprattutto quelli che vivono intorno al vulcano, sono entrati in depressione dato che il vulcano ha continuato a eruttare per quasi cinque anni senza alcuna pausa.

Due abitanti sono stati portati presso l'ospedale psichiatrico Simalingkar a Medan, nel Nord Sumatra, per una depressione grave dovuto al fatto che tutti i loro averi sono stati distrutte insieme alle loro aziende, unica fonte di reddito, dalla cenere vulcanica e i flussi piroclastici.

Dal momento in cui l'eruzione ha avuto inizio nel mese di settembre del 2013, il Monte Sinabung non ha mai completamente cessato la sua attività. Migliaia di residenti sono stati evacuati, e sono tornati nelle abitazioni solo il mese scorso dopo che il vulcano aveva mostrato una diminuzione di attività. Le eruzioni hanno ucciso almeno 17 persone e distrutto migliaia di case ed ettari di terreno agricolo.


fonte: http://www.thejakartapost.com/news/2015/05/28/mt-sinabung-eruptions-residents-woes-continue.html

The Day After

Nessun commento:

Posta un commento