martedì 16 giugno 2015

Il vulcano Sinabung fa davvero paura: oltre 10.000 evacuati

Più di 10.000 abitanti dei villaggi nei pressi del vulcano Sinabung in Indonesia sono fuggiti in seguito ad una serie di violente eruzioni, come riferito oggi dai funzionari della sicurezza.


Le autorità hanno innalzato lo stato di allerta del monte Sinabung, sull'isola di Sumatra, al più alto livello, da quando all'inizio di giugno vi è stato un netto aumento dell'attività.
Il vulcano, che è tornato in vita due anni fa, dopo un periodo di inattività, ha eruttò violentemente lo scorso weekend, espellendo cenere calda e rocce nell'aria.
Diverse migliaia di persone hanno lasciato le loro case all'inizio del mese e il numero totale di sfollati è attualmente pari a 10.714, secondo le agenzie.
Gli sfollati hanno trovato rifugio in edifici governativi e nei luoghi di culto nella città di Kabanjahe, a circa 10 chilometri dal vulcano Sinabung.
L'attività vulcanica è molto elevata oggi, con il Sinabung che sta lanciando rocce e gas caldo ad una distanza di tre chilometri fin dal primo mattino, secondo Armen Putra, capo del posto di osservazione del vulcano.


"Potremmo ancora sentire tremori. Due millimetri di cenere coprono le strade e le abitazioni situate a 15 chilometri di distanza". "Potrebbero volerci ancora settimane, ma per ora, è pericoloso per le persone che vivono nelle vicinanze, quindi abbiamo consigliato loro di evacuare".
Da quando il vulcano è tornato in vita nel 2013, più di 10.000 persone sono fuggite dai villaggi vicini. Alcuni sono tornati a casa, ma più di 6.000 degli sfollati originali vivono ancora in rifugi. "Abbiamo perso le nostre verdure, ma non il caffè", ha detto Sapta Sembiring Palawi dal villaggio di Gambir, a circa 4,7 km dal vulcano. "Il caffè ci ha permesso di sopravvivere e dobbiamo prenderci cura di lui ora." Palawi, un nonno, è una delle circa 200 persone del villaggio che hanno rifiutato di trasferirsi in rifugi governativi.

La riluttanza delle persone a lasciare le loro case nonostante il pericolo è comune nella nell'arcipelago nazionale. L'Indonesia ha più vulcani di ogni altro paese ed è soggetta ad eruzioni vulcaniche e terremoti a causa della sua posizione sul "Ring of Fire".


Più di 150.000 persone vivono lungo le pendici del monte Sinabung, approfittando del suo terreno fertile che fa crescere peperoncini, arance, cacao e caffè.

Nonostante gli avvertimenti, alcuni sfollati sono tornati a casa oggi per controllare le loro coltivazioni e il bestiame.

"Siamo preoccupati, ma dobbiamo vedere la nostra casa per ripulirla dalla cenere", ha detto Yapti Sitepu, che è stato evacuato in un rifugio temporaneo ieri.

Il vulcano ha avuto anche un impatto economico devastante, l'agenzia del disastro stima che ha causato più di 100 milioni di dollari di danni tra il 2013 e il 2014 in una vasta gamma di settori, tra cui le infrastrutture, l'agricoltura e il turismo.

fonte: http://www.dailymail.co.uk/wires/afp/article-3126351/More-10-000-flee-erupting-Indonesian-volcano.html, http://www.utsandiego.com/news/2015/jun/16/thousands-of-indonesians-refuse-to-leave-volcano/

The Day After

Nessun commento:

Posta un commento