mercoledì 24 giugno 2015

Il vulcano Sinabung in Indonesia è stato risvegliato da un terremoto?

Gli scienziati pensano che ci sia un collegamento tra la nuova attività vulcanica del monte Sinabung in Indonesia e tre recenti grandi terremoti.

immagine del 24 giugno 2015

Il vulcano Sinabung in Indonesia, una volta era considerato un vulcano spento, fino a che non è esploso per un breve periodo nel 2010. Poi, il 15 settembre 2013, ha cominciato di nuovo un'eruzione e l'attività vulcanica ha continuato fino ad oggi.

Capire perché i vulcani escono dal letargo non è un compito facile per gli scienziati, ma un articolo pubblicato lo scorso anno in Solid Earth suggerisce che alcuni dei recenti megaterremoti a Sumatra potrebbero aver svegliato il vulcano.
Il Sinabung è uno dei numerosi vulcani che si trovano lungo la zona di subduzione Sumatra Trench nell'Oceano Indiano. Questa regione, che fa parte del Ring of Fire, è molto attiva geologicamente. La caldera del lago Toba, che è a circa 40 km a sud est di Monte Sinabung, è stato il luogo dell'ultima nota eruzione supervulcanica sulla Terra circa 75.000 anni fa.

Tre grossi terremoti che si sono verificati in questa regione durante il periodo 2005-2007 possono aver innescato la più recente attività vulcanica sul monte Sinabung, secondo gli scienziati. Questi terremoti sono il terremoto di magnitudo 8.6 del 2005, il terremoto di magnitudo 7,9 del 2007, e un altro di magnitudo 8,4 del 2007. La devastante scossa di magnitudo 9.2 che ha colpito l'Indonesia nel dicembre 2004 probabilmente non è coinvolta però, perché questa si è verificata in una zona a nord dell'arco vulcanico.


Grandi terremoti di subduzione possono riattivare archi vulcanici perché cambiano il tipo e la quantità di stress tettonico. Mentre sollecitazioni di compressione vengono rilasciate dopo un terremoto di subduzione, questo può portare a colpire e a muovere altri tipi di stress tettonici. Tale movimento, a sua volta, può aprire nuovi canali per il flusso di magma e aumentare la permeabilità complessiva del sistema vulcanico. Può anche causare cambiamenti nelle pressioni interstiziali che rendono il magma più esplosivo.

Impulsi a lungo termine di un aumento dell'attività vulcanica sono stati osservati anche dopo grandi terremoti in altre regioni del mondo, tra cui il Cile e il Giappone, secondo il documento che è stato pubblicato in Solid Earth.

È importante sottolineare che gli scienziati hanno osservato che l'idea che i terremoti possono innescare eruzioni vulcaniche non è nuova. Charles Darwin in realtà aveva dimostrato l'aumento di attività vulcanica in Cile dopo il terremoto di magnitudo 8.5 di Conception nel 1835. Ha pubblicato questi risultati nel 1840.

Anche se la corrente eruzione in corso del Sinabung figura di livello 2 sull'indice di esplosività vulcanica, che può arrivare fino a 8 in base alla quantità di materiale che viene espulso, questa eruzione è stata molto distruttiva. Sedici persone sono state uccise durante un'esplosione del Monte Sinabung il 1° febbraio 2014, e lo spessore di cenere caduta ha danneggiato molte delle colture locali, come peperoncino, cavoli, e pomodori. Più di recente, l'attività accresciuta ai primi di giugno 2015 ha spinto le autorità a rilasciare il loro livello di allerta più alto per il vulcano ed i residenti sono stati evacuati. Prima di questa attività, non c'erano state eruzioni per 400 anni.

fonte: http://earthsky.org/earth/earthquakes-to-blame-for-mount-sinabung-eruptions

The Day After

Nessun commento:

Posta un commento