domenica 19 luglio 2015

Indonesia: eruzione del vulcano Gamalama, 1.500 evacuati

Un boato del Monte Gamalama, nella parte orientale dell'Indonesia, ha costretto i residenti che vivono in prossimità del versante del vulcano a fuggire di casa, secondo i funzionari locali.


Il vulcano, che si trova a Ternate, nel North Maluku, è tornato in vita questa settimana, il che ha portato oltre 1.500 persone ad evacuare, come riferito da Sutopo Purwo Nugroho, portavoce dell'agenzia nazionale di gestione delle catastrofi. Questa cifra è destinata ad aumentare secondo gli esperti. 
Il livello di allerta del vulcano è stato elevato al secondo più alto e le autorità hanno vietato alla popolazione locale di transitare in un raggio di 1.5 km dal cratere. 
Le maschere sono state distribuite ai residenti insieme agli aiuti di soccorso di emergenza, ha detto Sutopo. 
L'eruzione di Sabato ha espulso una colonna di cenere ad un'altezza di 1,5 chilometri, sviluppandosi a nord del cratere.
Alcuni rifugiati dall'eruzione del Gamalama che si trovano nei rifugi hanno iniziato a sviluppare delle infezioni. Sono state registrate quattro infezioni del tratto respiratorio superiore. Inoltre, cinque persone sono state colpite da problemi intestinali, altre ancora hanno ipertensione. Attualmente ci sono 1.498 abitanti dislocati in tre sedi.
 
Altri due vulcani, il Monte Sinabung a nord di Sumatra e il Monte Raung nell'East Java continuato ad eruttare anche oggi, diffondendo una colonna di cenere ad un'altezza di 3.000 e 2.000 metri, rispettivamente. 
Il Monte Gamalama, il Monte Sinabung e il Monte Raung sono solo 3 tra i 129 vulcani attivi dell'Indonesia, il paese arcipelago con circa 17.500 isole.

fonte: http://en.cihan.com.tr/en/eruption-of-mount-gamalama-volcano-in-indonesia-triggers-evacuation-1820014.htm, http://www.antaranews.com/en/news/99548/government-evacuates-886-people-near-mount-gamalama

The Day After

Nessun commento:

Posta un commento