mercoledì 1 luglio 2015

Vulcano Teide: una bomba nel cuore delle Canarie

Isole Canarie, meta ambita da molti turisti che cercano un pò di relax per le vacanze. Non tutti sanno però che nel cuore delle Canarie, sull'Isola di Tenerife, risiede una vera e propria bomba ad orologeria, una sorta di Vesuvio delle Canarie: il vulcano Teide. Con i suoi 3718 metri sul livello del mare (e i circa 7.000 metri sopra la piattaforma oceanica) è la vetta più alta di Spagna e la cima più alta di tutto l'Atlantico. È il terzo più grande vulcano del mondo dalla sua base, nonché uno dei vulcani attivi più alti del Continente Africano.


Il vulcano ha un ciclo di eruzione di circa 150.000 anni. Un recente studio ha dimostrato che in futuro le eruzioni del Monte Teide saranno violente, in quanto ha una struttura ben consolidata che rende possibile una violenta eruzione. Questo studio ha anche rivelato che il Teide ha una struttura quasi identica a quella del Vesuvio, come dicevamo, e dell'Etna.


Nel tempo queste eruzioni formarono un cono vulcanico che si stima essere stato di circa 5000m sul livello del mare. Una eruzione esplosiva ha però distrutto la parte superiore del vulcano creando la catena della Cañada; crollando verso nord, i detriti allungarono l'isola dandole la attuale conformazione. Successivamente nuove eruzioni diedero forma all'attuale cono che vediamo oggi svettare al centro del bacino della Cañada. La sua particolare altezza in un contesto di totale assenza di montagne nelle vicinanze (è l'unica cima dell'isola) conferisce al Pico del Teide (la punta del vulcano) un grande fascino per gli escursionisti che da qui possono godere di un 360° mozzafiato.
Seppur non si registrino eruzioni dal 1909 il vulcano è ancora attivo. Nei pressi del Pico del Teide (oltre i 3400 metri) l'alta temperatura delle rocce segnala la persistente attività del vulcano e causa il fenomeno delle "fumarole" (emissione di vapori sulfurei, che si verifica quando l'acqua infiltratasi nel terreno evapora a contatto con le rocce calde).



Circa 10 anni fa questo vulcano ha manifestato un’incremento della sismicità come dei segnali di una futura attività eruttiva.
L’attività sismica era aumentata al vulcano nel mese di aprile e maggio 2004. Oltre 200 terremoti di magnitudo 1-3 erano stati registrati, con uno di magnitudo 3 sentito dai residenti. 
Un’ulteriore aumento dell’attività vulcanica secondaria è stato registrato nel gennaio 2005 con emissioni di anidride carbonica aumentate di 75-354 tonnellate al giorno, e di emissioni di idrogeno solforato salite a 35-152 tonnellate al giorno. 
L’attività sismica è rimasta elevata sotto il vulcano con aumento della pressione delle fumarole e dei suoni emessi da esse.

Le ultime tre eruzioni sono avvenute nel 1706, 1798 e 1909, con un ritmo di un'eruzione circa ogni 100 anni....quando avverrà la prossima? Potrebbe verificarsi in ogni momento, visto il ritardo nella statistica.

fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Teide, http://www.volcanolive.com/teide.html

The Day After

Nessun commento:

Posta un commento